• Politicose

Fuori luogo

Il Presuntuoso della settimana è il presidente brasiliano Jair Bolsonaro.


Di Kevin Gerry Cafà


Devo confidarvi che è davvero difficile nominare il Presuntuoso della settimana, in un momento così difficile per l'Europa e il mondo. L'emergenza Coronavirus sta mettendo a dura prova tutti i paesi presenti nel panorama internazionale dal punto di vista politico, economico e soprattutto sanitario.


Nonostante l'attenzione sia rivolta ai dati sui contagi, le dichiarazioni del presidente della Repubblica federativa del Brasile Jair Bolsonaro sull'Italia non sono passate di certo inosservato. "L'Italia sembra Copacabana, dove in ogni palazzo c'è un anziano o una coppia di vecchietti. Per questo sono molto fragili e muore tanta gente. Hanno altre malattie, ma dicono che muoiano per Coronavirus". Queste sono le parole di Bolsonaro.


Oltre alle frasi ingiuriose nei confronti dell'Italia, è necessario porre l'accento sul fatto che Bolsonaro è stato uno dei pochi leader politici in grado di sottovalutare la pericolosità del virus, per poi sollecitare il Congresso affinché dichiarasse lo stato di calamita e di emergenza in relazione all'epidemia di Covid19. Atteggiamento alquanto contraddittorio e superficiale per un presidente che si ritrova a gestire un fenomeno che, ahimè, sta bussando anche alla porta del Brasile.



D'altronde, Bolsonaro ci ha abituati ad esternazioni e atteggiamenti di questo tipo, che sembra faccia parte dello stile comunicativo di altri membri della famiglia. Le dichiarazioni di qualche giorno fa del deputato brasiliano Eduardo Bolsonaro, figlio del presidente, il quale ha avuto la brillante idea di twittare: "Chi ha visto Chernobyl capisce cosa sta succedendo.Sostituisci l’impianto nucleare con il coronavirus e la dittatura sovietica con quella cinese", hanno aperto una piccola crisi diplomatica con la Repubblica popolare cinese.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti