• Politicose

Netanyahu e Gantz trovano l'accordo sul governo

Benny Gantz e Benyamin Netanyahu hanno firmato l'intesa per un governo di emergenza nazionale in Israele. L'accordo fissa la durata del governo di 36 mesi e la divide in due parti: un periodo di emergenza di sei mesi e uno di unità nazionale più lungo da seguire. Le parti sono riuscite a sciogliere il nodo sulla rotazione tra i due leader alla carica di primo ministro: Netanyahu rimarrà in carica per 18 mesi per poi essere sostituito da Gantz. Durante il periodo di emergenza, nessuna iniziativa legislativa che non contenda l'emergenza del Coronavirus potrà essere avanzata e approvata da entrambi i leader.


Sia Gantz che Netanyahu hanno un enorme potere sui loro "blocchi". Entrambi possono licenziare un ministro dal proprio blocco - un potere solitamente riservato al solo primo ministro - e nessuno dei due leader può licenziare un ministro dal blocco dell'altro.

Una sfida che forse pesa più sull'immagine di Ganzt, considerato la vera alternativa al dominio incondizionato di Netanyahu. Qualche giorno fa, i manifestanti di piazza Rabin avevano invitato il partito Blu e Bianco di Gantz a non partecipare ad un'alleanza con Netanyahu, che è sotto accusa per tre casi di corruzione. Di certo, era l'unica soluzione in grado di mettere fine ad una crisi politica durata più di un anno e segnata da ben tre tornate elettorali.

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti